Blog di legge senza scopo di lucro

Un’organizzazione senza scopo di lucro organizzata e gestita per scopi caritatevoli può essere esente ai sensi della Sezione 501(c)(3) dell’Internal Revenue Code mentre un’organizzazione senza scopo(4) del Codice. Ci viene spesso chiesto circa la differenza tra i termini “caritatevole” e “benessere sociale” e perché un’organizzazione avrebbe scelto di essere descritto come uno sopra l’altro.,

Sembrerebbe che uno scopo caritatevole e uno scopo di assistenza sociale sarebbero molto simili, e in effetti vi è una sostanziale sovrapposizione nei loro significati. Eppure ci sono grandi differenze tra le organizzazioni 501(c)(3) e le organizzazioni 501(c)(4) che fanno sì che uno scopo di assistenza sociale sia interpretato in modo più esteso, consentendo nel suo significato scopi caritatevoli e altri scopi di pubblica utilità che potrebbero essere un po ‘ inferiori al significato di beneficenza. Charity-lite, se si vuole., La motivazione principale per la definizione più discriminativa di beneficenza è dovuta alla deducibilità dei contributi alla maggior parte delle organizzazioni 501(c)(3) ma (generalmente) non alle organizzazioni 501(c)(4).

Esenzione fiscale

Entrambe le organizzazioni 501(c)(3) e 501(c)(4) sono esenti da imposte federali sul reddito sul reddito raccolto o guadagnato relativi ai loro scopi esenti. Generalmente, una startup senza scopo di lucro (diversa da una chiesa) deve richiedere l’esenzione ai sensi del 501(c)(3) presentando il modulo 1023 o il modulo 1023-EZ con l’IRS., Al contrario, un’organizzazione no-profit può (1) richiedere il riconoscimento formale IRS dell’esenzione ai sensi del 501(c)(4) mediante il modulo di deposito 1024 o (2) auto-dichiararsi esente ai sensi del 501(c)(4). In entrambi i casi, l’organizzazione senza scopo di lucro deve notificare l’IRS entro 60 giorni dopo la sua istituzione del suo intento di operare come un 501(c)(4) organizzazione di e-filing Modulo 8976.

Raccolta fondi e deducibilità dei contributi

Come notato sopra, la maggior parte delle organizzazioni 501(c)(3) ha diritto a ricevere contributi di beneficenza deducibili.,petizione (ma solo se non parte delle sue attività riguardano la fornitura di atletica degli impianti o delle attrezzature), o per la prevenzione della crudeltà verso i bambini o animali;
C) nessuna parte di un utile netto di cui sono in vigore a beneficio di qualsiasi azionista privato o individuale; e
D) che non è squalificato per l’esenzione fiscale ai sensi della sezione 501(c)(3) in ragione del tentativo di influenzare la legislazione e che non partecipano, o intervenire (tra cui la pubblicazione o la distribuzione di dichiarazioni), qualsiasi campagna elettorale per conto di (o in opposizione) candidati a cariche pubbliche.,

Le principali differenze tra la Sezione 170(c)(2) e 501(c)(3) sono il requisito nel primo che l’entità sia creata o organizzata negli Stati Uniti e l’assenza nel primo di uno scopo di “test per la sicurezza pubblica”. Di conseguenza, un contribuente non poteva prendere una detrazione contributo di beneficenza per un dono ad un 501 straniero(c) (3) organizzazione o un 501 nazionale(c) (3) organizzazione il cui scopo esente è il test per la sicurezza pubblica.,

È anche importante notare che un contributo a un’organizzazione 501(c)(3) descritta anche in 170(c)(2) non sarà deducibile se destinato al lobbismo.

I contributi alle organizzazioni 501(c)(4) non sono generalmente deducibili con limitate eccezioni per determinati contributi a compagnie di fuoco volontarie e organizzazioni di veterani di guerra. Inoltre, un’organizzazione 501(c)(4) non coperta da tali eccezioni deve rivelare, in qualsiasi sollecitazione di raccolta fondi, che i contributi all’organizzazione non sono deducibili ai fini dell’imposta sul reddito federale come contributi di beneficenza., La divulgazione deve essere espressa in un formato ben visibile e facilmente riconoscibile. Certo pagamento a 501(c) (4) le organizzazioni possono essere deducibili come spese commerciali o aziendali, se ordinarie e necessarie nello svolgimento dell’attività del contribuente.

Lobbying

501(c)(3) le organizzazioni di beneficenza pubbliche possono impegnarsi in lobbying fintanto che tali attività non sono sostanziali in relazione alle loro attività complessive. Nonostante tale restrizione, enti di beneficenza pubblici possono impegnarsi in generosi livelli di lobbying senza che sia considerato sostanziale se fanno l’elezione 501(h)., 501(c) (3) le fondazioni private non sono generalmente autorizzate a svolgere attività di lobbying, ma possono finanziare i beneficiari con un sostegno generale che i beneficiari decidono di utilizzare per attività di lobbying. 501(c) (3) le organizzazioni spesso scontano la loro capacità di impegnarsi in attività sostanziali ammissibili di advocacy, tra cui la difesa dei problemi, le unità get-out-the-vote e la registrazione degli elettori. Crediamo che l’advocacy sia spesso uno strumento critico che le commissioni devono considerare come un potenziale modo per far avanzare in modo più efficace ed efficiente la missione della loro organizzazione.,

501(c) (4) le organizzazioni possono impegnarsi in attività di lobbying illimitate per promuovere i loro scopi di assistenza sociale.

Intervento di campagna politica

501(c)(3) alle organizzazioni è vietato impegnarsi in qualsiasi attività di intervento di campagna politica.

501(c) (4) le organizzazioni possono impegnarsi in attività di intervento di campagna politica a condizione che tali attività non rappresentino la loro attività primaria., Interpretando la limitazione con un’elevata tolleranza al rischio, circa 501(c) (4) organizzazioni spendono il 49% delle loro risorse in campagna elettorale e affermano che, poiché il 51% delle loro attività è a favore del loro scopo di assistenza sociale esente, sono principalmente gestite per la promozione del benessere sociale.,

Scopo

Gli scopi esenti di cui al punto 501(c)(3) sono: religiosi, caritatevoli, scientifici, test per la sicurezza pubblica, letterari o educativi, o per promuovere competizioni sportive amatoriali nazionali o internazionali (ma solo se nessuna parte delle sue attività comporta la fornitura di strutture o attrezzature atletiche), o per la prevenzione della crudeltà verso bambini o animali. Abbiamo già scritto su ciò che costituisce “caritatevole” sotto 501 (c) (3) qui (avvio di un’organizzazione no-profit), qui (ambientale), qui (sviluppo economico) e qui (arti)., Per quanto riguarda il test operativo che ogni organizzazione 501(c)(3) deve superare, i regolamenti prevedono:

Un’organizzazione sarà considerata gestita esclusivamente per uno o più scopi esenti solo se si impegna principalmente in attività che compiono uno o più di tali scopi esenti specificati nella sezione 501(c)(3). Un’organizzazione non sarà così considerata se più di una parte inconsistente delle sue attività non è a favore di uno scopo esente.,

Lo scopo esente per la forma più comune di 501(c)(4) è la promozione del benessere sociale. Il regolamento prevede:

Un’organizzazione è gestita esclusivamente per la promozione del benessere sociale se è principalmente impegnata a promuovere in qualche modo il bene comune e il benessere generale delle persone della comunità. Un’organizzazione abbracciata all’interno di questa sezione è quella che viene gestita principalmente allo scopo di portare miglioramenti civici e miglioramenti sociali.,

È importante notare che a un’organizzazione 501(c)(3) è espressamente vietato impegnarsi in più di una quantità inconsistente di attività non a favore del suo scopo esente. D’altra parte, un’organizzazione 501(c)(4) può impegnarsi in più di una quantità inconsistente di attività che non perseguono il suo scopo esente, purché sia principalmente impegnata a promuovere il bene comune e il benessere sociale delle persone della comunità., Il limite più generoso di attività non esenti ammissibile a una 501(c) (4) spiega perché un’organizzazione 501(c) (4) può impegnarsi in quantità sostanziali di attività di intervento politico anche se i regolamenti chiariscono che tali attività non costituiscono la promozione del benessere sociale.,

Risorse Aggiuntive

il Confronto di 501(c)(3) e 501(c)(4) ammesso attività (Alleanza per la Giustizia, più Audace Advocacy)

il Confronto di 501(c)(3)s, 501(c)(4)s, e Politico 527 Organizzazioni (Alleanza per la Giustizia, più Audace Advocacy)

Come Avviare un California senza scopo di lucro (CalNonprofits)

Come Avviare un 501(c)(4) in California, senza scopo di lucro, passo per Passo (senza scopo di lucro Legge Blog)

Quando un 501(c)(3) Considerare la Creazione di una società di 501(c)(4)? (Blog di diritto senza scopo di lucro)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *