Che cosa è MCS?

Cosa si può fare?

Prima di tutto assicurati che il tuo ambiente contenga il minor numero possibile di tossine. Considera la tua dieta, l’acqua e in particolare la stanza in cui dormi. Smettere di indossare profumi o dopobarba e sbarazzarsi di deodoranti. Cambiare il detersivo per bucato e articoli da toeletta può fare una differenza significativa. Puoi scaricare un elenco di articoli da toeletta e prodotti per la pulizia che potrebbero essere adatti dal nostro opuscolo: ‘Come essere senza profumo’.,

Hai bisogno di considerare il tuo ambiente e la tua dieta se hai solo sensibilità elettrica? Sì. Non esiste una cura miracolosa per una di queste condizioni e migliorare un aspetto della tua salute ti aiuterà generalmente nel complesso. Correggere l’intestino che perde e candida, ad esempio, può fare una grande differenza per entrambe le sensibilità chimiche ed elettro-sensitive.

Al lavoro o a scuola chiedere se introdurranno una politica senza profumo per il personale / alunni. Assicurati che la stanza sia ben ventilata e non sederti vicino alla fotocopiatrice se reagisci ai fumi o ai campi elettrici., Idealmente aprire una finestra o se l’aria è troppo inquinata investire in un purificatore d’aria. Se si susbcribe al nostro servizio di appartenenza è possibile richiedere un helpsheet su depuratori d’aria.Internet cablato avrà meno probabilità di esacerbare i sintomi rispetto al Wi-Fi. I lavori che coinvolgono sostanze chimiche come la decorazione, il parrucchiere o l’agricoltura rischiano di esacerbare i sintomi e dovrai riflettere attentamente su come limitarlo.

Quando hai rimosso le cose a cui reagisci (per quanto sia pratico), inizia a pensare a come migliorare i tuoi sistemi immunitari e di disintossicazione., Un professionista esperto può aiutarti in questo. Gli abbonati possono richiedere un elenco di professionisti nel Regno Unito. Non esiste un metodo di trattamento adatto a tutti, poiché ci sono diversi motivi per cui potresti aver sviluppato MCS. Ciò significa che devi conoscere le opzioni di trattamento da soli e lavorare con professionisti e terapisti nutrizionali qualificati per vedere cosa funziona per te. Se la malattia o allergie eseguito nella vostra famiglia poi un test del DNA può aiutare a scoprire la causa principale. È quindi possibile lavorare con un professionista per compensare eventuali problemi con integratori alimentari., Probiotici sono anche la pena indagare e ci sono alcuni integratori come magnesio, multi vitamine, complessi B e vitamina D3 che possono aiutare. Quando avete preso misure per riparare i vostri percorsi di disintossicazione è il momento di iniziare delicatamente disintossicante.

Quando il tuo corpo non può elaborare le tossine (xenobiotici) le conserverà nel tuo corpo fino a quando non sarà in grado di elaborarle. Se inizi a disintossicarti prima di aver riparato i tuoi percorsi, allenterai semplicemente le tossine e circoleranno nel sangue fino a quando non potranno essere immagazzinate di nuovo., Questo ti fa sentire terribile, con mal di testa, sintomi influenzali, eruzioni cutanee ecc. Le persone con MCS hanno spesso una bassa tolleranza per integratori alimentari e farmaci per questo motivo. Questo vale per massaggi, saune e anche una capsula di probiotici può devastare se è troppo troppo presto (in quanto ucciderà i batteri “cattivi” causando un aumento delle tossine). Quando parliamo di ‘delicatamente disintossicante’ intendiamo iniziare qualsiasi trattamento a bassa dose / meno tempo e vedere come stai. Non è possibile accelerare questo processo. Il tuo corpo sarà solo in grado di elaborare e sbarazzarsi di tossine ad una certa velocità.,

Ci sono molte più informazioni sul processo di recupero e trattamenti nei nostri helpsheet e puoi leggere di più su questo qui.

  • Leggi altri articoli sulla sensibilità chimica
  • Scopri di più sull’appartenenza
  • Caress, S. e Steinemann, A. (2003). Più del 12% della popolazione riferisce un’estrema sensibilità a bassi livelli di sostanze chimiche comuni., Pubblicato in Environmental Health Perspectives (EHP), the journal of the National Institute of Environmental Health Sciences, 11 settembre 2003 Estratto 18/02/05, dahttp://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC1241652/

PrintEmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *