I consumatori non possono citare in giudizio alcune delle più grandi aziende negli Stati Uniti-ecco cosa significa per te

Chase, come la stragrande maggioranza delle aziende Fortune 100, prevede di mantenere i consumatori fuori dal tribunale includendo clausole arbitrali obbligatorie nei suoi accordi con i clienti. A volte indicato come arbitrato forzato, arbitrato obbligatorio è una forma di risoluzione delle controversie che generalmente richiede ai consumatori di gestire eventuali controversie legali al di fuori del sistema giudiziario federale., Le aziende di solito li hanno nei loro accordi” termini di servizio ” che accetti quando usi o acquisti un prodotto (e probabilmente non leggi).

Invece di andare alla corte federale, gli accordi di arbitrato richiedono di andare davanti a un arbitro o un gruppo di arbitri, che possono anche essere assunti dalla società, per decidere l’esito finale della controversia. Ci sono in genere poche opzioni per fare appello se non ti piace la loro sentenza.,

“Queste sono le aziende più forti in America — non necessariamente abuseranno dell’arbitrato, ma possono inclinarlo a loro favore se vogliono”, dice Szalai. Ad esempio, Procter & Gamble — che è dietro grandi marchi come Crest, Gillette e Olay — afferma nei suoi termini di utilizzo dei consumatori che tutti gli arbitrati si svolgono in Ohio, dove la società ha sede.

Alla fine dello scorso anno, le aziende statunitensi avevano almeno 800 milioni di termini di accordi di servizio e contratti con i clienti che includevano un linguaggio di arbitrato obbligatorio, stima Szalai., A quel ritmo, ogni cittadino statunitense è vincolato da circa 2,5 clausole arbitrali. E oltre il 60% di tutte le vendite online negli Stati Uniti sono coperti da accordi di arbitrato dei consumatori, rileva Szalai.

Aziende come l’arbitrato perché può essere più veloce e più conveniente che passare attraverso un lungo, tirato fuori procedimenti giudiziari. Ciò può avvantaggiare anche i consumatori. In genere, i consumatori aspettano 150 giorni per una decisione in un caso di arbitrato, al contrario di aspettare una media di 215 giorni per una class action per concludere, secondo l’Economic Policy Institute.,

“Quando un processo di arbitrato è stato progettato in modo appropriato, ci sono meno ostacoli a portare un reclamo in arbitrato che portare un reclamo in tribunale, e può essere più conveniente per i richiedenti di ottenere un’udienza e per ottenere una risoluzione delle loro richieste,” Chase portavoce Patricia Wexler dice CNBC Make It. “L’arbitrato può essere condotto di persona, per telefono, e-mail o Skype, evitando la necessità di prendere tempo fuori dal lavoro.”

Ma se i consumatori in realtà se la passano meglio è contestato. L’American Arbitration Association, uno dei più grandi amministratori, rapporti 53.,3% dei consumatori che utilizzano i suoi servizi ottenere un certo tipo di sollievo nei casi che file.

Ma l’EPI ha scoperto che i consumatori vincono solo sollievo nel 9% dei casi di arbitrato ha studiato. Nel frattempo, quando le aziende portano reclami o contrastano gli argomenti di un consumatore in arbitrato, vincono il 93% delle volte e il consumatore tipico finisce per pagare una media di $7.725, secondo l’organizzazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *