Incontra Satchel Lee, la figlia alla moda di Spike Lee con la sua rivista

La creatività, sembrerebbe, corre nella famiglia Lee. Caso in questione: Satchel Lee, la figlia di Spike Lee.

Laureato alla New York University, Lee ha studiato alla Tisch School of the Arts (suo padre regista è anche un alunno della NYU, dove ha conseguito il M. F. A. in cinema e televisione, e ora insegna anche presso l’istituzione)., Sul suo Instagram, la 23enne prende di mira le tendenze (i piccoli occhiali sono di gran moda, anche con i rampolli di Hollywood) e sostiene gli sforzi cinematografici di suo padre—ha persino partecipato al Festival di Cannes quest’anno a sostegno dell’attesissimo film BlacKkKlansman, che ha vinto il Grand Prix a maggio. Suo fratello, Jackson Lewis Lee, era presente alla cerimonia, insieme a sua madre, Tonya Lewis.,

Come suo padre, Lee ha dedicato la sua carriera finora a dare spazio a coloro che sono stati emarginati o isolati, come esemplificato nel suo stato di direttore creativo di DRØME, una rivista di cultura e arti queer/femministe / intersectional “e” piattaforma per voci emarginate.”Secondo la lettera di Lee e Caroline D’Arcy Gorman, fondatrice e caporedattore di DRØME, l’obiettivo principale della pubblicazione è” coltivare artisti sottorappresentati.,”Mentre saltava nel titolo di direttore creativo, Lee si è anche fatta un nome nel Think Tank TRL di MTV.

“Celebro la storia delle donne ogni giorno. Celebro la Storia nera ogni giorno. Celebro la storia LGBT + ogni giorno – perché senza una comprensione dell’importanza dei successi, delle lotte e dei sacrifici che i miei predecessori hanno dovuto superare, non credo di poter attraversare questo mondo con integrità”, ha scritto Lee a marzo per un servizio su Women’s History Month., Mentre la sua pubblicazione cresce e raccoglie più caratteristiche su artisti che rompono i confini dei binari, Lee non ha bisogno del successo di suo padre per dimostrare che sarà una da guardare—è una storia di successo tutta da sola.

Related: Spike Lee su Ciò che è divertente e ciò che non è sicuramente BlacKkKlansman, il suo film vincitore del Gran Premio di Cannes

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *