Origine comune delle arterie carotidi comuni brachiocefaliche e sinistre: Proposta di nuova terminologia

C’è un recente rinnovato interesse nello studio delle varianti dell’arco aortico, alimentato, almeno in parte, da suggerimenti che potrebbero svolgere un ruolo nelle patologie aortiche.1,2 L’arco aortico umano ha diversi modelli di ramificazione, che riflettono il suo complesso sviluppo embriologico., Il più comune o lo standard è un modello a 3 vasi (Fig 1A), con una prevalenza riportata tra il 65% e l ‘ 86% 3; il primo ramo è il tronco brachiocefalico, seguito dall’arteria carotide comune sinistra e quindi dall’arteria succlavia sinistra.

iv xmlns:xhtml=” http://www.w3.org/1999/xhtml” > FIG 1.

Volume-rendering CT di alcune varianti dell’arco aortico. A, Arco aortico sinistro con normale ramificazione. B, arco aortico sinistro con un’origine comune (freccia) del tronco brachiocefalico e arteria carotide comune sinistra., C, arco aortico sinistro con origini separate di una succlavia destra aberrante (freccia), e le arterie succlavia sinistra e un tronco comune per entrambe le arterie carotidi. D, arco aortico sinistro con un’origine comune (freccia) del tronco brachiocefalico e arteria carotide comune sinistra e un’origine separata delle arterie vertebrali e succlavia sinistra. E, arco aortico destro con un’origine comune (freccia) del tronco brachiocefalico sinistro e dell’arteria carotide comune destra., LCCA indica l’arteria carotide comune sinistra; RSCA, arteria succlavia destra; LSCA, arteria succlavia sinistra; RCCA, arteria carotide comune destra; LBCT, tronco brachiocefalico sinistro; ARSCA, arteria succlavia destra aberrante; LVA, arteria vertebrale sinistra; BCT, tronco brachiocefalico.,

La maggior parte dei comuni dell’arco aortico variante da lontano è un 2-vaso modello di ramificazione: Il primo ramo è una comune origine del tronco brachio e a sinistra dell’arteria carotide comune, e il secondo ramo è l’arteria succlavia sinistra (Fig 1B), o, meno comunemente, arteria carotide comune sinistra prende origine dal tronco brachio.1 La prevalenza riportata di questa variante è tra il 7% e il 26%, con la più alta prevalenza nelle popolazioni africane e sudamericane.,3 Questa variante è stata storicamente definita arco “bovino”, ma l’origine di questo termine non è chiara.4 Nonostante diverse critiche, 4, 5 questo termine è ancora in largo uso nelle relazioni radiologiche e chirurgiche e pubblicazioni di riviste,1,2 principalmente perché è familiare e più breve della descrizione anatomica completa. Un altro termine,” arco ovino”, è usato in alcune istituzioni per descrivere la stessa variante, anche se molto meno comunemente.5 Entrambi i termini sono noti per essere nomi errati e questa variante dell’arco aortico non è il tipico modello di ramificazione aortica nei bovini o negli ovini.,4,5

Il “tronco bicarotide/truncus bicaroticus” è un terzo nome per l’origine comune del tronco brachiocefalico e dell’arteria carotide comune sinistra.6 Tuttavia, a nostro avviso, questo termine dovrebbe essere riservato ad altre varianti di ramificazione a 3 vasi in cui esiste un’origine separata di un sito normale o un’arteria succlavia destra aberrante in combinazione con un tronco comune per entrambe le arterie carotidi e un’origine separata per l’arteria succlavia sinistra (Fig 1C).

Un quarto nome per la stessa variante, il ”tronco brachiocefalico comune”, viene talvolta usato., Questo termine è breve ma meno popolare ed è chiaramente anatomicamente carente. Infine, è stato proposto un quinto nome,”origine comune delle arterie innominate e carotidee ” 5, che non è un termine improprio ma è ancora lungo e manca di familiarità.

Inoltre, l’associazione di questa variante con un’origine aortica separata dell’arteria vertebrale sinistra costituisce una variante di ramificazione diversa, che è stata definita un arco combinato “bovino” e un’origine diretta dell’arteria vertebrale sinistra,3 nonostante sia un modello di ramificazione a 3 piuttosto che a 2 vasi suggerito dal termine “bovino” (Fig 1D)., Un’altra variante rara che abbiamo recentemente incontrato è un arco aortico destro con un’origine comune del tronco brachiocefalico sinistro e dell’arteria carotide comune destra, causando confusione sulla terminologia e sollevando la questione se possa essere definito un arco “bovino inverso” (Fig 1E).

Per riassumere, la variante più comune del modello di ramificazione dell’arco aortico umano ha 5 diversi termini confusi in uso. Pertanto, proponiamo di nominare l’origine comune del tronco brachiocefalico e l’arteria carotide comune sinistra il tronco “brachiocefalico”., Questo termine è abbastanza breve e più anatomicamente corretto, con familiarità e somiglianza con il nome originale del tronco brachiocefalico. Inoltre, è opportuno utilizzare quando combinato con un’origine diretta dell’arteria vertebrale sinistra e potrebbe essere etichettato “sinistra” quando questa variante è presente in un arco aortico destro.

  1. 1.Horn
    1. Hornick M,
    2. Moomiaie R,
    3. Mojibian H, et al

    . Arco aortico “bovino”: marcatore della malattia aortica toracica. Cardiologia 2012;123: 116-24 doi: 10.,1159/000342071 pmid: 23037917

  2. 2.↵
    1. Moorehead PA,
    2. Kim AH,
    3. Miller CP, et al

    . Prevalenza della configurazione dell’arco aortico bovino in pazienti adulti con e senza patologia aortica toracica. Ann Vasc Surg 2016;30:132-37 doi: 10.1016/j.avsg.2015.05.008 pmid: 26166538

  3. 3.Pop
    1. Popieluszko P,
    2. Henry BM,
    3. Sanna B, et al

    . Una revisione sistematica e meta-analisi delle variazioni nei modelli di ramificazione dell’arco aortico adulto. J Vasc Surg 2017 Agosto 30., pii: S0741-5214(17) 31788-3 doi:10.1016/j.jvs.2017.06.097 pmid: 28865978

  4. 4.Lay
    1. Layton KF,
    2. Kallmes DF,
    3. Cloft HJ, et al

    . Variante dell’arco aortico bovino nell’uomo: chiarificazione di un termine improprio comune. AJNR Am J Neuroradiol 2006;27: 1541-42 pmid: 16908576

  5. 5.Kat
    1. Katz JC,
    2. Chakravarti S,
    3. Ko HH, et al

    . Origine comune delle arterie innominate e carotidi: prevalenza, nomenclatura e implicazioni chirurgiche. J Am Soc Echocardiogr 2006;19:1446-48 doi: 10.,1016 / j.l’eco.2006.06.018 pmid: 17138027

  6. 6.↵
    1. Reinshagen It, Vodiskar J, Mühler E, et al

    . Tronco bicarotide: quanto è “non raro”? Ann Thorac Surg 2014;97:945-49 doi: 10.1016/j.athoracsur.2013.12.014 pmid: 24480260

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *