Relitto della nave HMS Bounty

“io, ora, purtroppo per raccontare una delle più atroci atti di Pirateria mai commesso… Christian… poi ha detto:” Vieni capitano Bligh, i vostri ufficiali e gli uomini sono ora in barca, e si deve andare con loro; se si tenta di fare la minima resistenza sarà immediatamente messo a morte: “e senza alcuna ulteriore cerimonia, che mi trattiene dal cordone che legava le mie mani, con una tribù di sgherri su di me, sono stato costretto a non essere del tutto… Un paio di pezzi di carne di maiale sono gettato a noi, e alcuni cloaths, anche… cutlasses… Siamo stati a lungo lasciato andare alla deriva in mare aperto.,”

-Capitano William Bligh

Nell’aprile del 1789, il capitano William Bligh perse il controllo della sua nave in uno dei più famosi ammutinamenti della storia. Gli uomini della HMS Bounty, inviati dall’Inghilterra in cerca dell’albero del pane due anni prima, erano stanchi, erano stanchi del duro stile di comando di Bligh e, soprattutto, volevano davvero tornare a Tahiti.

18 uomini sopraffecero il capitano, minacciarono la sua vita e lo misero alla deriva su una piccola barca con 18 uomini leali., Iniziò una delle più straordinarie storie di resistenza e sopravvivenza marinara, in cui Bligh e i suoi uomini, spinti forse da un desiderio di giusta vendetta, navigarono 3.618 miglia nautiche in 47 giorni e arrivarono a Timor per riferire dell’ammutinamento. Solo un uomo non ce l’ha fatta – un marinaio di nome John Norton è stato lapidato a morte dai nativi durante un tentativo infruttuoso di sbarcare per le disposizioni sulla remota isola di Tofua.

Nel frattempo, gli ammutinati hanno deciso di stabilire la loro vita di facilità sulle isole Tubuai, Tahiti e Pitcairn con le loro nuove mogli native., Nel timore di essere scoperti, dopo essersi stabiliti sull’isola di Pitcairn, gli ammutinati hanno bruciato la Taglia nell’acqua, intrappolandosi efficacemente nella loro nuova isola paradiso.

Ciò che seguì fu tutt’altro che una vita idilliaca. Gli uomini combatterono e litigarono e soccombettero alle malattie, si suicidarono e si uccisero a sangue freddo. Diciotto anni dopo, quando Pitcairn e gli ammutinati furono scoperti dalla nave Topaz, solo uno degli uomini era ancora vivo.,

Nel 1957, il fotografo ed esploratore Luis Marden fece la straordinaria scoperta dei resti del Bounty, ancora visibili in acque poco profonde al largo delle coste di Pitcairn, più o meno indisturbati per un secolo e mezzo. Anche se alcuni manufatti del relitto sono stati rimossi, ci sono ancora resti che possono essere visti da subacquei disposti a rischiare le pericolose onde della baia. Altri manufatti sono in mostra presso la community hall di Pitcairn.

Altrove, puoi rendere omaggio al capitano Bligh a Londra, dove la sua tomba è sormontata da una scultura di alberi del pane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *