Richard Widmark (Italiano)

‘ Sei Nick Bianco, vero? Sei un grande uomo. Sono Tommy Udo. Immaginami su questo uomo rap da quattro soldi come me, preso solo per aver staccato le orecchie di un ragazzo dalla testa. Roba da biglietti del traffico.”Queste sono state le prime parole pronunciate sullo schermo da Richard Widmark, morto all’età di 93 anni. E ‘ stato uno dei debutti più sorprendenti nella storia di Hollywood.

Il film era Il bacio della morte di Henry Hathaway (1947), e i protagonisti nominali erano Victor Mature e Brian Donlevy. Ma era Widmark, in una parte relativamente piccola, che tutti ricordavano., Non importa quanto si sia allontanato da Tommy Udo nella sua lunga carriera, anche quando interpretava personaggi nobili, quello psicopatico ridacchiante era sempre appena sotto la superficie.

Widmark è nato nella comunità agricola di Sunrise, Minnesota, dove suo padre di origine svedese gestiva il general store. La sua ambizione originale era quella di diventare un avvocato, così si iscrisse al Lake Forest College di Chicago. Fu lì che fu coinvolto nella società drammatica.

Dopo la laurea nel 1936, rimase al college come istruttore in discorso e dramma., Nel 1937, mentre lui e un amico stavano girando l’Europa in bicicletta, girarono un breve documentario 8mm sui campi della gioventù hitleriana. Si è poi trasferito a New York, dove ha lavorato alla radio e ha ottenuto alcuni ruoli a Broadway, i migliori dei quali sono stati diretti da Elia Kazan. Fu attraverso l’influenza di Kazan che Widmark fu audito dalla 20th Century Fox e messo sotto contratto, e immediatamente lanciato in Kiss of Death, per il quale fu nominato per un Oscar.,

Il critico James Agee descrisse così il personaggio di Tommy Udo: “Un ragazzo piuttosto fragile con occhi maniacali che usa un sinistro tipo di falsetto baby talk con risate tittering. È chiaro che l’omicidio è una delle cose più gentili di cui è capace.”Certo, Udo sembra essere felice di spingere un’anziana donna su sedia a rotelle giù da una rampa di scale. Del snigger colonna vertebrale-agghiacciante, Widmark ha spiegato che deriva dal suo nervosismo al suo primo ruolo sullo schermo, e ” Ho sempre avuto una risata goofy.,”

Nella tradizione hollywoodiana della tipografia rigorosa, Widmark riprese questo personaggio sadico, con leggere variazioni, nei suoi successivi tre film, tutti usciti nel 1948. In Street With No Name, ha interpretato un promotore di lotta storto, avvolto in una sciarpa e usando inalatori, terrorizzato di prendere un raffreddore, che desidera gestire la sua banda “secondo linee scientifiche”. In una scena, più tardi attenuata per superare il censore, picchia sua moglie (Barbara Lawrence), che sospetta di aver avvisato la polizia.,

In Road House, era un ex militare psicotico spinto oltre il limite dalla gelosia sessuale, e nel cielo giallo occidentale di William Wellman era il più cattivo dei rapinatori di banche che si opponevano al fuorilegge riformato Gregory Peck.

L’ultimo dei suoi fanatici furfanti fu in No Way Out (1950) di Joseph Mankiewicz, in cui interpretò un teppista razzista ricoverato sotto le cure di un medico nero (Sidney Poitier). Così convincente era Widmark che una grande quantità di rabbia di Poitier era genuina., In effetti, i due attori divennero amici solidi e apparvero di nuovo insieme in due film, The Long Ships (1964) e The Bedford Incident (1965).

Dai primi anni 1950, Widmark si fece strada in ruoli più simpatici, entrando gradualmente nel pantheon degli eroi di Hollywood. Durante il periodo di transizione, ha dato una delle sue migliori performance in Notte e la città di Jules Dassin (1950), girato oltre 60 notti consecutive in location a Londra. Come un piccolo truffatore con l’ambizione di essere un promotore di wrestling, è costretto alla fuga da un racket prima di essere ucciso e gettato nel Tamigi.,

Nello stesso anno, Widmark ha attraversato i lati nel Panico di Kazan nelle strade, interpretando un medico del servizio sanitario pubblico di New Orleans che dà la caccia a una banda di piccoli criminali portatori di peste polmonare. Questa volta, lui stesso è stato messo in ombra dal cattivo (Jack Palance, nel suo debutto sullo schermo).,

Altri bravi ragazzi seguirono nei film di guerra-Halls of Montezuma (1950), The Frogmen (1951) e Destination Gobi (1953) – e nei western Red Skies of Montana (1952), Broken Lance e Garden of Evil (entrambi (1954) in cui Widmark trasformò la figura dagli occhi d’acciaio, scarna e albina dei suoi personaggi psicopatici in un biondo muscoloso. Ma il suo personaggio ratto bianco emerse di tanto in tanto, risatina e tutto il resto., Nel Pick-up di Sam Fuller su South Street (1953), ha interpretato un borseggiatore squallido che inavvertitamente “solleva” alcuni microfilm top secret, che è pronto a vendere ai “comunisti”. Widmark presenta brillantemente l’ambiguità morale dell’uomo, volgendosi infine contro le spie per vendetta, non per patriottismo.

Era il pesante e sfidante Robert Taylor in The Law and Jack Wade (1958), e Mr Ratchett, la vittima milionaria in Murder on the Orient Express (1974), così detestabile che quasi ogni passeggero sul treno ha un motivo per ucciderlo.,

Nel complesso, tuttavia, Widmark interpretò principalmente eroi hardbitten, specialmente in un certo numero di western, come il piacevole Two Rode Together di John Ford (1961), in cui collaborò con James Stewart; Alvarez Kelly (1966), come antagonista di William Holden; e The Way West (1967), classificato terzo dopo Kirk Douglas e Robert Mitchum. “Amo i western”, ha commentato Widmark. “Amo la vita all’aria aperta, amo i cavalli. Per questo li allevo.”

Oltre al suo lavoro cinematografico, ha fatto una fortuna investendo in terreni e possedeva un paio di ranch per se stesso., Ha sposato l’ex attore e sceneggiatore Jean Hazelwood nel 1942, e ha affermato di non aver mai flirtato con un’altra donna. “Dopo essermi sposato ho pensato: ‘bene, è così’. Non ho mai pensato oltre. Mi piace molto mia moglie.”

Politicamente, Widmark era un liberale, polacchi a parte John Wayne, che lo ha diretto in Alamo (1960). Wayne voleva che interpretasse il colonnello William Travis, ma Widmark insistette per interpretare Jim Bowie. “Non sei abbastanza grande”, gli disse Wayne. “Sarò abbastanza grande”, rispose Widmark. E lo era.,

L’anno seguente, fu il belligerante procuratore in giudizio a Norimberga, curiosamente meno comprensivo dell’avvocato difensore di Maximilian Schell. Nel 1968, ha preso il ruolo del protagonista in Madigan di Don Siegel come un duro detective di New York. Anche se viene ucciso al culmine, il personaggio è stato resuscitato per sei film TV nei primi anni 1970. Widmark ha giocato sergente Dan Madigan come un solitario freddo, parlando in toni metallici.,

Dagli anni ‘ 80, i suoi capelli chiari diventavano argentati, faceva meno apparizioni, ma ogni volta che rilasciava un’intervista, il personaggio di Tommy Udo si presentava sempre, anche se aveva creato quel mostro quasi mezzo secolo prima.

Jean è morto nel 1997, ma è sopravvissuto dalla sua seconda moglie, Susan Blanchard, che ha sposato nel 1999, e sua figlia Anne dal suo primo matrimonio.,

· Richard Widmark, attore, nato il 26 dicembre 1914; morì il 24 Marzo 2008

Argomenti

  • Film
  • necrologi
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi via e-Mail
  • Condividi su LinkedIn
  • Condividi su Pinterest
  • Condividi su WhatsApp
  • Condividi su Messenger

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *