Top Five Deepest Diving Animals (Italiano)

all’inizio
Di Jessica Macdonald In the Water Marine Species Apr 5, 2017

Come subacquei, passiamo molto tempo pensando alla profondità. Quanto in profondità possiamo andare prima di sperimentare la narcosi dell’azoto o superare i limiti di no-decompressione? Quanto è profondo prima che l’ossigeno nel nostro cilindro dive diventi tossico? Come comunità, stiamo sempre testando i confini imposti dalla profondità., Ma diverse specie marine notevoli si sono adattate per raggiungere profondità molto maggiori con relativamente poco sforzo. Ecco i primi cinque animali da immersione più profondi, tutti uccelli o mammiferi che respirano l’aria, per i quali le immersioni estreme sono uno stile di vita.

Pinguino imperatore

L’immersione più profonda di tutti gli uccelli marini, il pinguino imperatore si nutre principalmente di pesci. Tuttavia, la loro dieta include anche calamari profondi e altri cefalopodi. I record mostrano che si sono tuffati fino a 1.755 piedi (535 m) alla ricerca della preda., Il pinguino imperatore è perfettamente adattato per sopravvivere a queste immersioni profonde. Le sue ali sono più piatte e rigide di quelle di altri uccelli, consentendo una propulsione extra. Le sue ossa sono solide, piuttosto che riempite d’aria, per ridurre il rischio di barotrauma. Questi pinguini possono anche rallentare la loro frequenza cardiaca a soli 15 a 20 battiti al minuto durante le immersioni, al fine di ridurre al minimo l’uso di ossigeno. Per contrastare le temperature gelide delle acque antartiche, i pinguini imperatore hanno la più alta densità di piume di qualsiasi specie di uccelli, e uno strato di grasso sub-dermico misura oltre un pollice di spessore.,

Leatherback Turtle

La tartaruga leatherback è unica tra le tartarughe in quanto il suo carapace è fatto di pelle indurita — da qui il nome leatherback — piuttosto che un guscio osseo. Questo adattamento conferisce alla tartaruga una maggiore flessibilità sotto pressione e segnala lo stato del leatherback come uno degli animali subacquei più profondi. Gli scienziati hanno registrato zaini in pelle a profondità di 4.200 piedi (1.280 m), in seguito alla migrazione diurna giornaliera delle meduse che mangiano., Per far fronte all’incredibile pressione a tali profondità, queste tartarughe hanno sviluppato diversi altri importanti adattamenti. Questi includono polmoni pieghevoli, che riducono il rischio delle curve; la capacità di rallentare la frequenza cardiaca per conservare l’ossigeno; uno sfintere polmonare che fa circolare il sangue lontano dai polmoni mentre sono crollati; e la capacità di regolare la temperatura corporea in modo che rimanga costante indipendentemente dalla temperatura dell’acqua circostante.,

Elephant Seal

Entrambe le specie di elephant seal hanno un tempo di trattenere il respiro di oltre 100 minuti. Questo rende le loro immersioni notevoli per la loro lunghezza come lo sono per la profondità. Gli elefanti marini maschi spesso si immergono per più di 60 minuti alla volta, e il record di profondità per questa specie è un incredibile 7.835 piedi (2.388 m). Come la tartaruga liuto e il pinguino imperatore, il cibo è l’incentivo per le immersioni sorprendenti delle foche. Predano principalmente su specie profonde, tra cui pattini, raggi, calamari e polpi., Gli elefanti marini sono un successo di immersioni profonde perché i loro corpi contengono un volume anormalmente grande di sangue. Ciò consente loro di immagazzinare ossigeno aggiuntivo. Hanno anche aumentato i livelli di mioglobina, permettendo loro di immagazzinare ossigeno nei loro muscoli, una maggiore percentuale di globuli rossi che trasportano ossigeno e grasso eccezionalmente spesso per proteggerli dal freddo in profondità.

Capodoglio

Raggiungendo lunghezze fino a 66 piedi (20 m), i capodogli sono i più grandi predatori dentati del mondo., Sostengono le loro enormi dimensioni immergendosi a profondità incredibili alla ricerca della loro preda preferita, il calamaro. Gli scienziati hanno registrato capodogli a profondità fino 7,380 piedi (2,250 metri). Possono rimanere sommersi fino a 90 minuti e si sono evoluti anche per sopravvivere sotto pressione estrema. Una delle loro caratteristiche fisiologiche più importanti è una gabbia toracica flessibile che consente il collasso polmonare e il ridotto assorbimento di azoto., Come gli elefanti marini, il loro sangue trasporta extra mioglobina e globuli rossi, e sono in grado di dirigere il loro flusso sanguigno lontano da organi non essenziali durante le immersioni al fine di sfruttare al meglio i livelli di ossigeno impoverito. Nel buio pesto dell’abisso, i capodogli trovano la loro preda attraverso l’ecolocalizzazione.

La balena dal becco di Cuvier

Nel 2014, gli scienziati hanno nominato le balene dal becco di Cuvier gli animali subacquei più profondi di tutti quando ne hanno rintracciato uno in un’immersione a 9.874 piedi (2.992 m)., L’immersione è durata 2 ore e 17 minuti, rendendo questa balena il mammifero subacqueo più lungo mai registrato e il più profondo. Le balene dal becco di Cuvier mangiano una dieta di calamari e pesci profondi e, come il capodoglio, hanno coste completamente flessibili.

Prima di fare il grande passo, queste balene espirano quasi tutta l’aria nei loro polmoni. Questo li aiuta a diventare negativamente vivace e scendere rapidamente in profondità. L’eliminazione degli spazi d’aria rende il corpo della balena più resistente agli effetti schiaccianti della pressione riducendo al contempo l’assorbimento del gas., Sono anche in grado di deviare il flusso di sangue dalle loro estremità agli organi essenziali come il cervello e il cuore. Mentre si immergono, le loro funzioni digestive, renali ed epatiche si interrompono completamente per conservare l’ossigeno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *