Tutte le ultime novità del settore da Matinée Multilingual

A colpo d’occhio, sottotitoli e sottotitoli sembrano quasi identici, ma le differenze che li contraddistinguono non sono così sottili come appaiono all’inizio. Scegliere tra i due può avere un impatto drastico sul modo in cui il pubblico capisce i tuoi progetti video – e la tua decisione potrebbe dire molto di più sul tuo marchio di quanto tu creda.,

La differenza tra sottotitoli e sottotitoli

Sebbene i sottotitoli (CCs) e i sottotitoli siano simili, sono progettati per due scopi diversi. I sottotitoli forniscono un’alternativa testuale per il dialogo delle riprese video: le parole pronunciate di personaggi, narratori e altri partecipanti vocali.

Sottotitoli, d’altra parte, non solo supplemento per il dialogo, ma altre parti rilevanti della colonna sonora – che descrive i rumori di fondo, telefoni che squillano e altri segnali audio che hanno bisogno di descrivere.,

Essenzialmente, i sottotitoli presuppongono che un pubblico possa ascoltare l’audio, ma hanno bisogno anche del dialogo fornito in forma di testo. Nel frattempo, i sottotitoli presuppongono che un pubblico non possa sentire l’audio e abbia bisogno di una descrizione testuale di ciò che altrimenti sentirebbe.

Sottotitoli e sottotitoli in azione

L’uso più comune per i sottotitoli sarebbe una forma di traduzione di filmati video per un pubblico di un’altra lingua. L’audio originale è conservato, ma gli spettatori possono capire il dialogo e ancora sentire la colonna sonora come era previsto.,

Si può probabilmente intuire ormai che didascalie è in genere utilizzato per il pubblico con problemi di udito, o situazioni in cui l’audio non può essere riprodotto. In questo caso gli spettatori hanno bisogno di più descrizione – per aiutare a distinguere tra persone diverse che parlano, cambiamenti emotivi nelle loro voci o audio non vocale, che è rilevante per la storia, per esempio.

Una distinzione importante

Speriamo che tu possa capire perché la distinzione tra i due è così importante. Da un lato, CCs in situazioni in cui i sottotitoli sono sufficienti può essere fonte di distrazione e potenzialmente frustrante per gli spettatori., Ancora peggio, però, userebbe i sottotitoli quando sono necessarie didascalie, potenzialmente alienando del tutto il pubblico.

Ora, pubblico è la parola chiave qui, perché sottotitoli e didascalie hanno lo stesso obiettivo: estendere il filmato a un pubblico più ampio. Questi segmenti di pubblico possono essere leggermente diversi, ma il tuo obiettivo è rendere il tuo video accessibile a tutti coloro che hanno qualcosa da offrire al tuo marchio.

L’esempio più semplice sarebbe un film in lingua straniera., I sottotitoli possono renderlo accessibile al pubblico di tutto il mondo, mentre le didascalie significano che il pubblico con problemi di udito può anche godersi il film – e spesso vedrai DVD, Blu-ray e altre versioni con entrambi per questo stesso motivo.

Ogni video dovrebbe avere sottotitoli e sottotitoli?

Se si sceglie di utilizzare sottotitoli o sottotitoli dipende dal pubblico che avete in mente per i vostri progetti video. Tuttavia, entrambi stanno diventando sempre più importanti in quanto Internet collega i tuoi filmati al mondo intero.,

Non è solo una questione di lingue, ma anche l’importanza dell’accessibilità del web e garantire che nessuno sia escluso dal tuo marchio. È l’equivalente digitale di avere accesso in sedia a rotelle alla tua proprietà aziendale, e c’è un caso per discutere ogni video dovrebbe venire con sottotitoli e sottotitoli, piuttosto che scegliere tra i due.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *