Virginia Henderson: Nursing Need Theory (Italiano)

Scopri la teoria del bisogno infermieristico del teorico dell’infermiera Virginia Henderson in questa guida alle teorie infermieristiche! Venite a conoscere anche la biografia di Henderson, carriera, e le opere che hanno contribuito a formare infermieristica. Nella seconda sezione, spiegherà i concetti principali, il metaparadigma infermieristico, subconcetti, componenti e ipotesi della teoria del bisogno infermieristico di Henderson.,

Biografia di Virginia Henderson

Virginia Avenel Henderson (30 novembre 1897 – 19 Marzo 1996), è stato un infermiere, un teorico e autore noto per il suo Bisogno, la Teoria e la definizione di nursing come: “L’unica funzione dell’infermiere è quella di assistere l’individuo, malati o sani, nello svolgimento di quelle attività che contribuiscono alla salute o al suo recupero (o di morte serena) che avrebbe eseguire senza aiuto se avesse la necessaria forza, la volontà o la conoscenza.,”Henderson è anche conosciuto come” La First Lady of Nursing”, “L’usignolo della moderna infermieristica”, “Madre moderna di infermieristica” e ” Il 20 ° secolo Florence Nightingale.

Primi anni di vita

Virginia Henderson nacque a Kansas City, Missouri nel 1897, quinta degli otto figli di Lucy Minor Abbot e Daniel B. Henderson. Prende il nome dallo Stato che sua madre desiderava. All’età di quattro anni, tornò in Virginia e iniziò la sua scuola a Bellevue, una scuola preparatoria di proprietà di suo nonno William Richardson Abbot.,

Suo padre era un ex insegnante a Bellevue ed era un avvocato che rappresentava gli indiani nativi americani nelle dispute con il governo degli Stati Uniti, vincendo un importante caso per la tribù Klamath nel 1937.

Educazione

Virginia Henderson ricevette la sua prima educazione a casa in Virginia con le sue zie, e lo zio Charles Abbot, nella sua scuola per ragazzi nella community Army School of Nursing al Walter Reed Hospital di Washington D. C. Nel 1921, ricevette il diploma in Infermieristica dalla Army School of Nursing al Walter Reed Hospital, Washington D. C., Nel 1923, ha iniziato a insegnare infermieristica presso il Norfolk Protestant Hospital in Virginia. Nel 1929, entrò Teachers College alla Columbia University per la sua laurea nel 1932, e ha preso il suo Master nel 1934.

Carriera

Nel 1921 dopo aver ricevuto il diploma, Virginia Henderson ha lavorato presso l’Henry Street Visiting Nurse Service per due anni dopo la laurea. Inizialmente aveva programmato di cambiare professione dopo due anni, ma il suo forte desiderio di aiutare la professione ha evitato il suo piano., Nel corso degli anni, ha contribuito a porre rimedio alla vista degli infermieri in parte attraverso una ricerca esaustiva che ha contribuito a stabilire le basi accademiche delle sue professioni.

Dal 1924 al 1929, ha lavorato come istruttrice e direttrice educativa nel Norfolk Protestant Hospital, Norfolk, Virginia. L’anno seguente, nel 1930, fu supervisore di infermiere e istruttore clinico presso il reparto ambulatoriale dello Strong Memorial Hospital di Rochester, New York.,

Dal 1934 al 1948, 14 anni della sua carriera, ha lavorato come istruttore e professore associato presso il Teachers College, Columbia University di New York. Dal 1953, Henderson è stato ricercatore associato presso la Yale University School of Nursing e come ricercatore associato emerito (1971 -1996).,

Henderson quando era un socio di ricerca presso l’università di Yale

nel Corso della sua carriera, ha viaggiato in tutto il mondo, su invito di associazioni professionali, università e governi a condividere e ispirare non solo gli infermieri, ma anche altri professionisti sanitari.,

Ha costantemente sottolineato il dovere di un’infermiera al paziente piuttosto che al medico e i suoi sforzi hanno fornito una base alla scienza dell’infermieristica, incluso un sistema universalmente utilizzato per registrare le osservazioni del paziente e hanno contribuito a rendere gli infermieri molto più preziosi per i medici.

Need Theory

Tra le sue altre opere, i contributi ampiamente noti di Henderson all’infermieristica è la Need Theory. La teoria del Bisogno sottolinea l’importanza di aumentare l’indipendenza del paziente e concentrarsi sui bisogni umani di base in modo che i progressi dopo il ricovero non vengano ritardati., La teoria del Bisogno è discussa più avanti.

Opere di Virginia Henderson

A partire dal 1939, è stata autrice di tre edizioni di “Principles and Practices of Nursing”, un testo ampiamente utilizzato, e il suo “Basic Principles of Nursing”, pubblicato nel 1966 e rivisto nel 1972, è stato pubblicato in 27 lingue dall’International Council of Nurses.,

Il suo risultato più formidabile è stato un progetto di ricerca in cui ha raccolto, rivisto, catalogato, classificato, annotato e incrociato ogni pezzo noto di ricerca sull’infermieristica pubblicato in inglese, con conseguente quattro volumi “Nursing Research: Survey and Assessment”, scritto con Leo Simmons e pubblicato nel 1964, e il suo quattro volumi “Nursing Studies Index”, completato nel 1972.,

Principles and Practice of Nursing

Henderson è stato coautore della quinta (1955) e della sesta (1978) edizione del Libro di testo dei principi e della pratica dell’infermieristica quando l’autrice originale, Bertha Harmer, morì. Fino al 1975, la quinta edizione del libro era il libro di testo infermieristico più ampiamente adottato in inglese e spagnolo da varie scuole di infermieristica.,

All’età di 75 anni, ha iniziato la sesta edizione di the Principles and Practice of Nursing text, nei successivi cinque anni della sua vita, ha guidato Gladys Nite e diciassette altri contributori a sintetizzare la letteratura professionale che ha completato l’indicizzazione. Durante i suoi 50 anni di carriera in infermieristica e l’opportunità di rivedere gli scritti di tutti i principali autori che hanno scritto in inglese, ha modellato un lavoro che ha criticato a fondo l’assistenza sanitaria e ha offerto agli infermieri l’opportunità di correggere le carenze., Il libro, che opera su due livelli, ha sostenuto che l’assistenza sanitaria sarà riformata dai singoli infermieri che consentiranno ai loro pazienti di essere indipendenti in materia di assistenza sanitaria quando i pazienti sono entrambi istruiti e incoraggiati a prendersi cura di se stessi. Ha portato questa filosofia a nuove vette eliminando il gergo medico dal testo e dichiarandolo come riferimento per coloro che vogliono proteggere la propria salute o la propria famiglia o prendersi cura di un parente malato o di un amico.,

PUBBLICITÀ

Principi Fondamentali dell’Assistenza Infermieristica

copertina del Libro di Base i Principi di Infermieristica di Virginia Henderson

Nel 1953, era completamente riscrivere la Harmer e Henderson Libro di testo sui Principi e la Pratica dell’Allattamento quando ha utilizzato la sua descrizione della professione., Dopo che il libro di testo è stato pubblicato, Henderson è stato chiesto dal Consiglio internazionale degli infermieri di scrivere un saggio sulla cura che è stato considerato applicabile in qualsiasi parte del mondo e rilevante sia per gli infermieri ei loro pazienti, malati o bene. I principi di base di Nursing (ICN, 1960) sono il risultato di questo e sono diventati uno dei libri di riferimento in infermieristica ed è considerato l’equivalente del 20 ° secolo delle note di Nightingale sull’infermieristica. La pubblicazione ICN è disponibile in 29 lingue ed è attualmente in uso in tutto il mondo.,

Nursing Studies Index

Il Nursing Studies Index (ICN, 1963) è uno dei lavori di spicco di Henderson. Nel 1953, ha accettato una posizione presso la Yale University School of Nursing come ricercatore associato per un progetto di ricerca progettato per esaminare e valutare lo stato della ricerca infermieristica negli Stati Uniti. Dopo il completamento del sondaggio, è stato notato che esiste un’assenza di una letteratura organizzata su cui basare gli studi clinici sull’infermieristica., Henderson è stato finanziato per dirigere il progetto Nursing Studies Index dal 1959 al 1971, il risultato è stata la pubblicazione del Nursing Studies Index in quattro volumi, il primo indice annotato di ricerca infermieristica pubblicato tra il 1900 e il 1960.

Premi e riconoscimenti di Virginia Henderson

Ci sono numerosi riconoscimenti e riconoscimenti conferiti a Virginia Henderson.,

Ha ricevuto lauree honoris causa dalla Catholic University of America, Pace University, University of Rochester, University of Western Ontario, Yale University, Rush University, Old Dominion University, Boston College, Thomas Jefferson University, Emory University e molti altri.

Nel 1977 è stata creata come membro onorario dell’American Academy of Nursing. L “anno successivo, è stata creata una Fellow onorario del Royal College of Nursing del Regno Unito per il suo contributo unico per l” arte e la scienza di nursing.,

Nel 1985, Henderson è stato onorato alla riunione annuale della sezione Infermieristica e Allied Health della Medical Library Association. Nello stesso anno, ha ricevuto il primo premio Christiane Reimann dal Consiglio Infermieristico Internazionale (ICN), il più alto e prestigioso riconoscimento in infermieristica a causa della portata transnazionale del suo lavoro.

Nel 1988, fu onorata dalla Virginia Nurses Association quando le fu consegnato il Virginia Historical Nurse Leadership Award.

Virginia Henderson., Foto via: lewebpedagogique

Il Virginia Henderson Global Nursing e-Repository o la Virginia Henderson International Nursing Library è stato nominato in suo onore dalla società infermieristica, Sigma Theta Tau International, per l’impatto globale che ha fatto sulla ricerca infermieristica. La biblioteca, a Indianapolis, è disponibile in forma elettronica attraverso Internet dal 1994.

Nel 2000, la Virginia Nurses Association ha riconosciuto Henderson come uno dei 51 infermieri pionieri in Virginia. Lei è anche un membro della American Nurses Association Hall of Fame.,

Morte

Foto della lapide di Henderson tramite: AAHN.org

Henderson morì il 19 marzo 1996 in un ospizio a Branford, Connecticut, aveva 98 anni. I suoi resti sono stati sepolti nel terreno della sua famiglia del sagrato della Chiesa di St. Stephen’s Church, Forest, contea di Bedford, Virginia.

Virginia Henderson’s Need Theory

La Nursing Need Theory è stata sviluppata da Virginia Henderson per definire il focus unico della pratica infermieristica., La teoria si concentra sull’importanza di aumentare l’indipendenza del paziente per accelerare i loro progressi in ospedale. La teoria di Henderson sottolinea i bisogni umani fondamentali e come gli infermieri possono aiutare a soddisfare tali esigenze.

“Credo che la funzione che l’infermiera svolge sia principalmente indipendente – quella di agire per il paziente quando manca la conoscenza, la forza fisica o la volontà di agire per se stesso come avrebbe normalmente agito in salute, o nello svolgimento della terapia prescritta., Questa funzione è vista come complessa e creativa, come offerta di opportunità illimitate per l’applicazione delle scienze fisiche, biologiche e sociali e lo sviluppo di competenze basate su di esse.”(Henderson, 1960)

Ipotesi della teoria del bisogno

Le ipotesi della teoria del bisogno di Virginia Henderson sono: (1) Gli infermieri si prendono cura dei pazienti fino a quando non possono prendersi cura di se stessi ancora una volta. Sebbene non sia spiegato con precisione, (2) i pazienti desiderano tornare in salute. (3) Gli infermieri sono disposti a servire e che ” gli infermieri si dedicheranno al paziente giorno e notte.,”(4) Henderson ritiene inoltre che la “mente e il corpo sono inseparabili e sono correlati.”

Concetti principali della teoria del bisogno infermieristico

Di seguito sono riportati i concetti principali (metaparadigma infermieristico) e le definizioni della Teoria del Bisogno di Virginia Henderson.

Individuo

Henderson afferma che gli individui hanno bisogni di base che sono componenti della salute e richiedono assistenza per raggiungere la salute e l’indipendenza o una morte pacifica. Secondo lei, un individuo raggiunge l’integrità mantenendo l’equilibrio fisiologico ed emotivo.,

PUBBLICITÀ

Ha definito il paziente come qualcuno che ha bisogno di cure infermieristiche ma non ha limitato l’assistenza infermieristica alla cura della malattia. La sua teoria ha presentato il paziente come una somma di parti con bisogni biopsicosociali e la mente e il corpo sono inseparabili e correlati.

Ambiente

Sebbene la Teoria del Bisogno non definisse esplicitamente l’ambiente, Henderson ha dichiarato che il mantenimento di un ambiente favorevole alla salute è uno degli elementi delle sue 14 attività per l’assistenza al cliente.,

La teoria di Henderson supporta i compiti del settore sanitario privato e pubblico o delle agenzie nel mantenere le persone in salute. Lei crede che la società vuole e si aspetta il servizio dell’infermiera di agire per gli individui che non sono in grado di funzionare in modo indipendente.

Salute

Anche se non esplicitamente definito nella teoria di Henderson, la salute è stata presa per significare equilibrio in tutti i regni della vita umana. È equiparato all’indipendenza o alla capacità di svolgere attività senza alcun aiuto nei 14 componenti o nei bisogni umani di base.,

Gli infermieri, d’altra parte, sono persone chiave nella promozione della salute, nella prevenzione delle malattie e nella possibilità di curare. Secondo Henderson, la buona salute è una sfida perché è influenzata da numerosi fattori come l’età, il background culturale, l’equilibrio emotivo e altri.

Infermieristica

Virginia Henderson ha scritto la sua definizione di infermieristica prima dello sviluppo dell’infermieristica teorica., Ha definito infermieristica come “la funzione unica dell” infermiere è quello di assistere l ” individuo, malato o bene, nello svolgimento di quelle attività che contribuiscono alla salute o il suo recupero che avrebbe eseguito senza aiuto se avesse la forza necessaria, volontà o conoscenza. E per farlo in modo tale da aiutarlo a ottenere l’indipendenza il più rapidamente possibile.”L’obiettivo dell’infermiera è quello di rendere il paziente completo, intero o indipendente. A sua volta, l’infermiera collabora con il piano terapeutico del medico.,

Gli infermieri assistono temporaneamente un individuo che non ha la forza, la volontà e la conoscenza necessarie per soddisfare uno o più dei 14 bisogni di base., Lei afferma: “L’infermiere è temporaneamente la coscienza dell’inconscio, la vita l’amore per il suicidio, la gamba del paziente amputato, gli occhi del neo cieco, un mezzo di locomozione per il neonato, la conoscenza e la fiducia dei giovani, madre, il bocchino per chi è troppo debole o ritirata a parlare”

Inoltre, ha affermato che “…l’infermiere non per altri quello che vorresti fare per se stessi, se hanno avuto la forza, la volontà e la conoscenza. Ma continuo a dire che l’infermiera rende il paziente indipendente da lui o lei il prima possibile.,”

La sua definizione di infermieristica ha distinto il ruolo di un’infermiera nell’assistenza sanitaria: l’infermiera dovrebbe eseguire il piano terapeutico di un medico, ma l’assistenza individualizzata è il risultato della creatività dell’infermiera nella pianificazione delle cure.

L’infermiere dovrebbe essere un professionista indipendente in grado di esprimere un giudizio indipendente. Nel suo lavoro Nature of Nursing, afferma che il ruolo dell’infermiera è “entrare nella pelle del paziente e integrare la sua forza, volontà o conoscenza in base alle sue esigenze.,”L’infermiere ha la responsabilità di valutare le esigenze del paziente, aiutarlo a soddisfare le esigenze di salute e fornire un ambiente in cui il paziente possa svolgere attività senza aiuto.

14 Componenti della teoria del bisogno

I 14 componenti della Virginia Hendersons Need Theory mostrano un approccio olistico all’infermieristica che copre i bisogni fisiologici, psicologici, spirituali e sociali.

Clicca sull’immagine per ingrandirla.

Componenti fisiologici

  • 1., Respirare normalmente
  • 2. Mangiare e bere adeguatamente
  • 3. Eliminare i rifiuti del corpo
  • 4. Spostare e mantenere posizioni desiderabili
  • 5. Dormire e riposare
  • 6. Selezionare i vestiti adatti-vestire e spogliarsi
  • 7. Mantenere la temperatura corporea nel range di normalità regolando abbigliamento e modificando ambiente
  • 8. Mantenere il corpo pulito e ben curato e proteggere il tegumento
  • 9. Evitare pericoli nell’ambiente ed evitare di ferire gli altri

Aspetti psicologici della comunicazione e dell’apprendimento

  • 10., Comunicare con gli altri nell’esprimere emozioni, bisogni, paure o opinioni.
  • 14. Imparare, scoprire, o soddisfare la curiosità che porta al normale sviluppo e la salute e utilizzare le strutture sanitarie disponibili.

Spirituale e morale

  • 11. Culto secondo la propria fede

Sociologicamente orientato all’occupazione e alla ricreazione

  • 12. Lavorare in modo tale che ci sia un senso di realizzazione
  • 13., Gioca o partecipa a varie forme di ricreazione

I 14 componenti di Henderson applicati alla Gerarchia dei bisogni di Maslow

Poiché c’è molta somiglianza, i 14 componenti di Henderson possono essere applicati o confrontati con la Gerarchia dei bisogni di Abraham Maslow. I componenti da 1 a 9 sono sotto i bisogni fisiologici di Maslow, mentre il 9 ° componente è sotto i bisogni di sicurezza. I componenti 10 e 11 sono sotto la categoria Amore e Appartenenza e i componenti 12, 13 e 14 sono sotto i bisogni di autostima.,

Analisi della Teoria del bisogno

Non si può dire che ogni individuo che ha bisogni simili indicati nelle 14 attività di Virginia Henderson siano le uniche cose di cui gli esseri umani hanno bisogno per raggiungere la salute e per sopravvivere. Con il progresso del tempo di oggi, ci possono essere ulteriori bisogni che gli esseri umani hanno il diritto di essere provvisti da infermieri.

PUBBLICITÀ

La priorità delle 14 Attività non è stata chiaramente spiegata se la prima è un prerequisito per l’altra., Tuttavia, è notevole che Henderson sia stato in grado di specificare e caratterizzare alcuni dei bisogni degli individui basati sulla gerarchia dei bisogni di Abraham Maslow.

Alcune delle attività elencate nei concetti di Henderson possono essere applicate solo a individui pienamente funzionali che indicano che ci sarebbero sempre pazienti che richiedono sempre assistenza assistita che è in contrasto con l’obiettivo di infermieristica indicato nella definizione di infermieristica da parte di Henderson.,

A causa dell’assenza di un diagramma concettuale, le interconnessioni tra i concetti e i subconcetti del principio di Henderson non sono chiaramente delineate.

Punti di forza

Il concetto di cura di Virginia Henderson è ampiamente accettato nella pratica infermieristica oggi. La sua teoria e 14 componenti sono relativamente semplici, logico, e può essere applicato a individui di tutte le età.

Debolezze

C’è un’assenza di un diagramma concettuale che interconnette i 14 concetti e subconcetti della teoria di Henderson., Su assistere l “individuo nel processo di morte, c” è una piccola spiegazione di ciò che l “infermiera fa per fornire” morte pacifica.”

Applicazione della teoria dei bisogni

La teoria dei bisogni di Henderson può essere applicata alla pratica infermieristica come un modo per gli infermieri di fissare obiettivi basati sui 14 componenti di Henderson. Soddisfare l’obiettivo di raggiungere le 14 esigenze del cliente può essere un’ottima base per migliorare ulteriormente le proprie prestazioni verso l’assistenza infermieristica. Nella ricerca infermieristica, ciascuno dei suoi 14 concetti fondamentali può servire come base per la ricerca anche se le dichiarazioni non sono state scritte in termini testabili.,

Vedi anche

Potrebbero piacerti anche le seguenti guide allo studio delle teorie infermieristiche:

  • Teorie e teorici infermieristici – The Ultimate Nursing Theories and Theorists Guide for Nurses.

Riferimenti e fonti per questa guida di studio su Virginia Henderson e la sua teoria del bisogno:

Ulteriori letture

  • Smith, James (1989). Virginia Henderson: i primi novant’anni. Ishiyaku Euroamerica
  • The Nurse Theorists – Virginia Henderson Promo – un breve video intervista con Virginia Henderson.

Con contributi di Wayne, G., Ramirez, Q.,, Vera, M.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *